Per chiedere informazioni compila il form
Nome

Cognome

Email

Tel.

Richiesta

Codice
anti-spam

Ripeti codice anti-spam
Con la clorofilla via tossine e radicali liberi

L’energia verde delle piante in primavera è massima e aiuta a rinnovarci in profondità, a liberarci dalle sostanze dannose contenute nei cibi che ora dobbiamo consumare con moderazione.

SOLO ARTICOLO

La primavera è il periodo più propizio per creare il rinnovamento e la rigenerazione di cellule e tessuti. La sferzata di energia tipica del periodo comincia ad assestarsi e il corpo sta trovando un nuovo equilibrio. Mai come in questo momento dell’anno possiamo liberarci dalle vecchie abitudini alimentari e inserire nella nostra tavola tutte quelle sostanze che combattono i tanto temuti radicali liberi.

Via le vecchie abitudini

“Cibi nuovi”, ricchi di clorofilla e di energia verde, stimolano cervello e sistema immunitario e ricreare l’intero organismo e a prepararlo ad assorbire “l’energia dolce” più ricco di “sostanze equilibranti” che la Natura ci può regalare. Si parte dalle insalate amare, dalle tisane di sambuco, altea e cardo che stimolano la bile e, depurando il fegato, liberano l’intestino dalle scorie e dalle tossine.  La primavera significa quindi più di tutto dieta nuova e vita nuova: spazio ai lieviti naturali, spesso dimenticati nelle tavole della vita moderna. Basta un cucchiaio di lievito di birra dopo i pasti per combattere la ritenzione di liquidi; altrettanto utile è ricorrere all’acqua tiepida con qualche goccia di limone che, assunta prima di colazione a digiuno, libera i terpeni che inibiscono il colesterolo. Si tratta di rimedi semplici che la medicina dei conventi riteneva dei veri toccasana.

E largo alle sostanze amiche della salute

Vita nuova vuol dire soprattutto dare spazio alla clorofilla e dire stop ai prodotti di scarto, che carne e grassi animali producono in quantità tossiche per l’energia riequilibrante di maggio e giugno, un periodo in cui privilegiare i cibi verdi e ridurre sensibilmente gli alimenti di origine animale. Dove si trovano gli antiossidanti ricchi diclorofilla? Nei carciofi, nella lattuga, negli spinaci, nella cicoria, nei piselli, nelle zucchine, nei broccoli, e ancor di più nei kiwi, ricchissimi di vitamina C. Non devono poi mancare gli ortaggi ricchi di zolfo, come ravanello, rafano, erba cipollina, porro, cipolla, rape, ruchetta e cavolo. I principi attivi solforati e i loro oli minerali hanno infatti un’azione antiinfiammatoria notevole: proteggono l’apparato digerente e quello respiratorio da infezioni e infiammazioni. Non dimentichiamo che prevenire e eliminare le infiammazioni significa evitare nel tempo la temuta degenerazione dei tessuti. Basta usare i rimedi verdi per 15 giorni, per avere un corpo rinnovato. Cambiate abitudini alimentari, ne vale veramente la pena.

Testo tratto da www.riza.it