I segreti del peperoncino

Ma è vero che il peperoncino fa dimagrire? La notizia ha sicuramente galvanizzato gli amanti del piccante: i cibi che bruciano in bocca pare che aiuterebbero a bruciare calorie perchè influirebbero sul metabolismo, aumentandolo di circa del 25%. Resta da verificare quali spezie abbiano questa caratteristica e pare appunto che il peperoncino ce l’abbia. Del resto già nel medioevo la medicina attribuiva alle spezie il potere di aiutare la digestione: si pensava che il calore indotto dal piccante contribuisse a cuocere i cibi nello stomaco, migliorandone l’assimilazione.

C’è chi non ne può fare a meno e chi invece non lo sopporta, difficilmente il sapore piccante suscita indifferenza, o lo si odia o lo si ama. Per scegliere al meglio è necessario conoscere in modo più approfondito pregi e difetti del peperoncino, che non è certo adatto a tutti.

Il piccante non va d’accordo affatto con alcune malattie e quindi lo eviterà chi soffre di gastrite, ulcera, perché i gusti forti eccitano la mucosa gastrica, colite, cistite, emorroidi, diarrea e calcoli renali. Mentre è invece consigliato per coloro che soffrono di bronchite, cefalea, emicrania e dolori muscolari e anche quelli legati all’artrite, per la sua azione vasodilatatrice, e anche per coloro che devono normalizzare la pressione del sangue e migliorare la circolazione. Il peperoncino è senza dubbio il re del regno piccante: appartiene alla famiglia delle solanacee, come pomodoro, melanzana, patata.

Contribuisce a mantenere integre le pareti delle arterie e inoltre migliora l’attività circolatoria, accelera il metabolismo e di conseguenza può aiutare anche a perdere peso.

solo articolo